Il Budget di Matrimonio: 5 facili trucchi per arrivare tranquilli alle nozze (e senza imprevisti!)

Aggiornato il: lug 2

Ok, la proposta di matrimonio è arrivata, e ora? da dove partiamo?

Semplice, prima di ogni mossa si parte dal budget.


Il budget di matrimonio: non fatevi spaventare!

Lo so, sembra più facile a dirsi che a farsi per tutti gli sposi. Ma se leggete queste semplici regole diventerà un gioco da ragazzi...


1. Che budget devo calcolare per il mio matrimonio?

È forse la domanda più ricorrente che mi fanno i futuri sposi quando cominciamo insieme l'organizzazione delle proprie nozze. D'altra parte, si sa, è tutto nuovo, è un mondo sul quale i neo fidanzati si affacciano per la prima volta, per cui la domanda è legittima e comprensibile.

La risposta è molto più facile di quanto non si immagini: la verità? non esiste una cifra assoluta, esiste solo la vostra disponibilità di spesa e valutazione di destinazione delle risorse economiche.

Quando si intraprende questo tipo di spesa, solo voi potete sapere quanto gruzzoletto si ha in tasca e quanto di questo siete disposti a usare per il vostro Giorno Più Bello.

...Ma in fondo, ricordatevi: quanto vale la celebrazione del vostro amore?


2. Excel: il nuovo migliore amico di ogni coppia che convola a nozze


La gestione de budget di nozze è più facile con Excel.

Per avere un budget che si rispetti, è inutile impazzire con carta, penna e calcolatrice! Siamo nel terzo millennio: semplifichiamoci la vita!


Excel deve diventare la risposta a tutti i nostri problemi di pianificazione. Fidatevi, non è necessario conoscere molte formule: questo strumento telematico ci permette di ridurre il calcolo dell'errore allo 0.

Costruite così una tabella che contenga tutte le voci di spesa prevista dal budget di matrimonio.

Così, dagli addobbi floreali sino al viaggio di nozze tutto deve essere contenuto qui dentro.


È consigliabile inserire più colonne, nelle quali andrete a stimare la spesa presunta e, in un secondo momento il costo effettivo.

Ricordatevi di aggiornare il contenuto ogni volta, per evitare di perdersi i pezzi per strada ed avere brutte sorprese.


Il vantaggio di sposarsi ai giorni nostri è che anche con i nostri smartphone possiamo in qualsiasi momento raggiungere i file salvati in archivi Cloud, come Drive o Dropbox.

Per cui, immaginate il grandissimo vantaggio di aggiornare le spese in tempo reale, ma non solo: la possibilità - ad esempio - di condividere questo foglio di calcolo con il/la vostro/a wedding planner, perché per una meticolosa pianificazione delle nozze, abbia sempre il controllo dello schema di budget e sappia aiutarvi a scegliere il fornitore più idoneo per voi, anche, ma soprattutto, in termini di spesa.


3. La regola del meno e la regola del più

No, non vi sto rimandando alle elementari: vi do solo un wedding tip che vi aiuterà moltissimo alla costruzione del nostro budget.

Come? dobbiamo partire dal totale che abbiamo stimato per la nostra Favola Reale.

A questo, cominciamo a sottrarre tutte le macro- voci di spesa.



Facciamo un esempio molto pratico: ho scelto di destinare circa 45.000€ totali per il mio matrimonio, che prevede circa un centinaio di ospiti (mi raccomando, questi numeri vanno presi come mero esercizio, come già scritto, ognuno sa esattamente quale sia la propria disponibilità di spesa!).


La prima voce importante da sottrarre sarà la location. Supponiamo quindi che mi sia innamorata di una bellissima villa d'epoca il cui costo di affitto è di circa 5000€.

La seconda voce da considerare per importanza è il catering. Data la mia possibilità di spesa, potrò scegliere un servizio di ristorazione medio alto, attestando la propria proposta dai 120€ a persona+10% IVA in su.

Attenzione: questa è la voce che erode in percentuale la maggior parte del nostro budget.

Va da sé che, quindi, più invitati ho più dovrò considerare l'aumento di spesa per questa voce.


Il rapporto costo catering/ospiti è imprescindibile. Tanti più ospiti avrò al mio matrimonio, tanto più dovrò regolare la mia possibilità di spesa in relazione ad essi.

Spesso mi trovo a consigliare di limitare il numero degli ospiti per poter garantire il miglior servizio offerto dal fornitore che ho pensato per i miei futuri sposi.

Tornando al nostro esempio, immaginiamo quindi di aver scelto un catering da 135€+10%IVA. Vuol dire che per i miei 100 ospiti, 14.850€ saranno destinati al segmento food&beverage. Andranno perciò sottratti al mio totale iniziale di 45.000, insieme con il costo di affitto della location.


La mia disponibilità rimanente dunque sarà di 25.150€, ai quali procederò a sottrarre il costo del fotografo, del flower designer, videografo, allestimento e via discorrendo.

Questo esercizio può - e deve! - essere fatto ancor prima di ricevere i preventivi dai vari fornitori.

Vi starete domandando come sia possibile: ecco qui un altro trucchetto...


Voi soli sapete davvero quali sono i fornitori sui quali non intendete lesinare. Partite quindi tenendo conto delle vostre priorità, ma ricordate, come anticipato, che location e catering sono le voci più consistenti.

Per la ripartizione, consiglio di prendere spunto dall'infografica qui accanto.


Ecco qui quindi la regola del più: una volta ricevuti i preventivi reali da parte dei fornitori, dobbiamo inserirli nel nostro file excel, in modo tale da prendere visione della spesa che stiamo affrontando.

Ogni singola voce va quindi completata e sommandola abbiamo il polso di quanto ci stiamo discostando dalla previsione.


4. La regola del diviso

L'ho anticipato ai punti 2 e 3: il nostro amico Excel ci aiuta molto in questo.

Dobbiamo dividere ogni voce secondo macro-categorie.


Avremo così la macro-categoria cerimonia, la macro-categoria ricevimento, quella per i fornitori foto e video, un'altra dedicata ai fiori, etc.; ricomprese in esse ogni voce che le riguardano.

Ecco dunque quindi che sotto cerimonia potremo inserire la dicitura relativa al costo del celebrante, piuttosto ché il costo di un allestimento alternativo per gli arredi presenti, il prezzo delle fedi...


In questo modo, diventa molto semplice verificare quali costi siano stati inseriti e procedendo cronologicamente alla scelta dei vari fornitori, vedrete come magicamente la nostra tabella di budget andrà a corredarsi di tutte le voci di spesa fino al totale identificato.


E non senza sorprese positive! Infatti, nel tenere d'occhio tutte le spese potreste scoprire che alcuni servizi possano risultare ad un costo inferiore rispetto a quello inizialmente immaginato. Così, magari, potreste valutare di integrare eventualmente con altri servizi inizialmente esclusi o - perché no? - concedervi delle coccole extra in luna di miele!


5. Attenti all'IVA!

Non tutti i fornitori inviano i preventivi comprensivi di IVA. Ecco dunque che su questo punto deve prestarsi un'attenzione particolare.

Quando non specificato, non temete di domandare se l'IVA sia inclusa o meno nel totale finale.

Questo cambia moltissimo il nostro budget di matrimonio.


Pensate infatti di ricevere un prezzo e non aggiungere in percentuale l'importo corrispettivo all'IVA: il rischio di trovarsi a spendere molto di più è davvero in agguato.


Allora non indugiate e se non scritto, non solo dovete chiedere se sia stata già calcolata ma anche a quanto ammonti. Infatti, non tutti i fornitori applicano l'IVA al 22%!



Alcuni, come ad esempio il catering applicano l'IVA al 10%.

I fioristi per esempio, invece, non hanno un IVA fissa, ma a seconda della propria attività possono inserirla al 10% mentre altri al 22%.

Da ultimo, non trascurabile, alcune location sono addirittura esenti IVA, perché dimore storiche o magari private.


In sostanza, definire il budget delle nozze ci dà la traccia per tutta la nostra pianificazione di nozze.

Attraverso la decisione di stanziare un costo più o meno alto per ogni elemento relativo al matrimonio ci permette di ingaggiare un fornitore anziché un altro; attraverso il budget quindi si fissano i cardini per tutta l'organizzazione e si definisce quale matrimonio potremo avere.


Apro solo una breve parentesi: non sempre cercare il ribasso ci garantisce il risultato che abbiamo sognato.

È meglio quindi dosare sapientemente le proprie finanze, piuttosto che incappare in spiacevoli guai. Chi offre un prezzo particolarmente basso verosimilmente offre anche un servizio più limitato, o ha un'esperienza ancora ridotta nel settore.


Spero quindi che questo post possa aver dato delle linee guida utili alla redazione del documento più importante per la pianificazione del vostro matrimonio.


Dopo questi suggerimenti, il budget di matrimonio non avrà più segreti per voi.

Ne sono certa.


Buon budget a tutti!


#budgetmatrimonio #budgetnozze #spesematrimonio #costimatrimonio #spesewedding #weddingbudget

#lafavolareale #matrimoni #nozze #wedding #weddingplanner #weddingmanager #matrimoniomilano #sposarsiamilano #spesenozze #quantocostasposarsi #weddingplannerprofessionista #costiweddingplanner #sposi #sposi2021 #organizzazionematrimonio #pianificazionematrimonio #weddingplannerlombardia

Devi organizzare le tue nozze? Sei una sposa e non sai come devi pianificare il matrimonio, ma vorresti avere la tranquillità di un supporto professionale?

La Favola Reale è a tua disposizione per prendersi cura di te e del tuo progetto di nozze. Vuoi sapere in che modo? Ecco qui..


Via Perin del Vaga 9

20156 Milano

Tel: +39 339 35 31 674

lafavolareale.wp@gmail.com

© 2018 by La Favola Reale  

Contact us 

  • White Instagram Icon
  • White Facebook Icon
  • White Pinterest Icon